Arcidiocesi
di PALERMO

La Caritas con la famiglia, i giovani, il lavoro

Tag:, ,
Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail

Un’attenzione particolare verso la famiglia, i giovani, il lavoro e l’impegno culturale. Sono le linee direttrici della nuova Giunta direttiva della Caritas diocesana, voluta dall’Arcivescovo, mons. Corrado Lorefice che si è insediata sotto la guida del pro direttore frà Giuseppe Noto. La Giunta è altresì, composta da don Sergio Ciresi e Mario Sedia come vice Direttori e dal diacono don Salvatore Corselli e dal dott. Antonio Barbera come componenti.
“Vogliamo riprendere il cammino con maggiore vigore – spiega frò Noto – nella consapevolezza che il nostro è un cammino pastorale nella Chiesa locale e riflettere sul significato della nostra presenza e del nostro servizio in diocesi e nella società civile della città di Palermo per valutare la fedeltà al mandato ricevuto”.
La Caritas diocesana è l’organismo pastorale, espressione originale della Chiesa particolare, con il compito di animare le comunità ecclesiali al senso di carità verso le persone e le varie realtà in situazioni di difficoltà e al dovere di tradurli in interventi concreti con carattere promozionale e possibilmente preventivo. Ha inoltre il compito di far vedere che la vicinanza e la prossimità con i poveri è decisiva per un’educazione alla carità per le nostre comunità della diocesi. Perché questo si realizzi è necessario la fedeltà al Vangelo ed essere segni di profezia. Quello che ha fatto la Caritas in tutti questi anni, dal suo inizio fino ad oggi, è una pagina di grande significato per la vita della Chiesa e per la città di Palermo.
“Ma siamo chiamati ogni giorno a riscoprire le fonti delta carità – continua il por direttore – che sono la preghiera e la vicinanza al Signore, se vogliamo servire Lui nei poveri ed ultimi del nostro tempo. Siamo coscienti che il campo dell’impegno è sempre vastissimo, certamente al di là delle nostre possibilità e delle nostre capacità di risposta: a tutti dobbiamo prestare i nostri orecchi, a tutti dobbiamo tendere le nostre mani”.